24. gennaio 2017

Al riassunto

CCL nazionale stazioni di servizio

Il Contratto collettivo di lavoro (CCL) nazionale per i negozi delle stazioni di servizio è sulla dirittura d’arrivo ed entrerà presumibilmente in vigore in primavera 2017. Il CCL crea condizioni uguali per tutte le collaboratrici e i collaboratori del ramo professionale e impedisce il dumping salariale.

Grazie al nuovo CCL, il personale dei negozi delle stazioni di servizio beneficerà di maggiori garanzie per quanto riguarda le condizioni di lavoro. Esso offrirà inoltre ai datori di lavoro maggiore chiarezza sulle disposizioni vigenti nel ramo professionale e un quadro di riferimento per reclutare i loro impiegati in modo semplice e trasparente.

Alla fine del 2015, le parti sociali nel ramo professionale, ovvero l’Associazione dei gestori di negozi delle stazioni di servizio AGSS, i sindacati Unia e Syna nonché la Società svizzera degli impiegati di commercio, avevano adottato per la prima volta un nuovo CCL per i negozi delle stazioni di servizio e inoltrato una domanda di conferimento del carattere obbligatorio generale presso la Confederazione. La Segreteria di Stato dell’economia Seco non ha ancora portato a termine i suoi accertamenti. Pertanto, l’obiettivo iniziale di un’entrata in vigore in gennaio 2017 non è purtroppo stato raggiunto. Benché le parti sociali siano consapevoli della complessità della procedura e dei ritardi amministrativi che essa comporta, sono tuttavia fiduciosi che l’attuale incertezza sulla data esatta dell’introduzione venga al più presto superata.

Il nuovo CCL per i negozi delle stazioni di servizio in Svizzera (CCL Negozi delle stazioni di servizio) definisce in particolare i salari minimi, disciplina gli orari di lavoro e garantisce prestazioni sociali quali il versamento del salario in caso di malattia o di maternità. Il CCL definisce inoltre i parametri dell’esecuzione. Le parti sociali sono l’Associazione dei gestori di negozi delle stazioni di servizio AGSS, i sindacati Unia e Syna nonché la Società svizzera degli impiegati di commercio.