"Ti distrae spesso dalla realtà"

intervista 3_danilo simonetti

Danilo Simonetti, 17,
studente della Scuola professionale per sportivi d’élite di Tenero

La digitalizzazione altera profili professionali, in alcuni casi abolisce posti di lavoro mentre in altri crea nuove possibilità. Come vivono gli impiegati questo cambiamento e cosa fanno per non correre il rischio di perdere il lavoro?

Ti sta vicino il mondo digitale?

Uso computer e cellulare sia a scuola che a casa. Ma soltanto a partire dai 14 anni lo faccio regolarmente.

Come c'entra la digitalizzazione nel tuo settore di formazione?

Non nella stessa misura come per i tipici impiegati di commercio perché preferisco il lavoro all’aria aperta, vorrei fare il giardiniere, il boscaiolo o qualcosa del genere.

Non sembri molto entusiasta della digitalizzazione.

Questa serve molto ma spesso ti distrae dalla realtà. Meglio quindi essere un pò distanti. Molte volte uso lo smartphone sbagliando. Vi rimango troppo a lungo, perdo tempo e non vedo le cose reali.

Cosa pensi dei social media?

Sono utili ma non vorrei usarli troppo. Cinque o sei ore al giorno davanti al computer o al cellulare non va bene per me, sopratutto alla sera. Preferisco stare con gli amici in persona. Altrimenti sprecherei troppo tempo della mia vita.

Conoscendo bene il mondo della digitalizzazione avresti un bel vantaggio per le tue attività future.

Non mi servirà tanto per i miei piani professionali.

Quindi non hai paura di perdere qualche futuro posto di lavoro?

Quale giardiniere per esempio non perdi di colpo il tuo posto di lavoro. In tali settori l’uomo non può essere sostituito così facilmente da qualche macchina. Nelle fabbriche però ci sono già tantissimi robot invece di lavoratori veri.

Quale sviluppo generale vedi nei prossimi anni?

La digitalizzazione può evocare disoccupazione e riguarderà un pò tutti. L‘automazione aumenterà ancora molto – e trovare un posto di lavoro già oggi è difficile.

Come creare nuovi posti di lavoro?

È facile sostuire dei lavoratori con macchine. Difficile invece procurare loro un altro posto di lavoro per mancanza di formazione adeguata. Devono quindi sottoporsi ad una nuova formazione e questo richiede molto tempo e soldi. Ma alla fine vale sempre la pena per trovare una soluzione. Come già detto, ci vogliono diversi lavori manuali all’aria aperta, per esempio nei comuni.