07. settembre 2018

Al riassunto

SwissSkills - La finale degli apprendisti

„Il lavoro quotidiano è la preparazione migliore”

L’apprendista nel settore della vendita Andressa Lourenco, di Brissago, partecipa il 14 settembre insieme ad altri ticinesi alla finale del concorso nazionale di SwissSkills a Berna. SwissSkills è una fondazione che si propone di valorizzare la formazione professionale in ambito pubblico. Come si prepara Andressa che verrà accompagnata dalla sua formatrice Nicoletta Quarta? Abbiamo intervistato entrambe le donne.

SwissSkills_2018

Curiosa di Berna: l'apprendista Andressa Lourenco di Brissago

"Andressa, per quali motivi partecipi alla finale di SwissSkills a Berna?"
Per mettermi in gioco e per rappresentare il Ticino nella capitale della Svizzera.

"Cosa significa per te poter partecipare alla finale?"
È veramente un onore. Inoltre penso che grazie a questo concorso si possano aprire tante porte, anche tra qualche anno.

"Come ti prepari per la finale?"
Mi preparo molto duramente al lavoro ogni giorno, cioè nel settore della vendita. Stiamo a stretto contatto con i clienti: molti richiedono consulenza, parliamo anche in lingue straniere. Quindi il lavoro quotidiano in negozio è la preparazione migliore.

"Sei curiosa della Svizzera tedesca? ti puoi immaginare di lavorare lì in futuro?"
Ne sono molto curiosa perché c’è un bel pezzettino della Svizzera che non conosco ancora molto bene. Non so se lavorerò oltralpe, spero piuttosto di far carriera da un buon datore di lavoro e questo può avvenire in tutta la Svizzera.

"Qual è lo skill più importante nel settore della vendita?"
Saper capire i clienti, conoscere i loro bisogni e soddisfarli con un sorriso.

"Cosa pensi della formazione continua che offre SIC Ticino?"
È molto importante. Anche per un giovane risulta essenziale formarsi continuamente, altrimenti non avrà un miglior futuro professionale.

"Come vedi il tuo futuro?"
Spero sia brillante, spero di far carriera. Darò il mio massimo e vedremo come andrà a finire (sorride).

SwissSkills_Quarta

La sfida principale è di essere sempre più professionali, dice Nicoletta Quarta.

"Signora Quarta, lei gestisce la filiale di Benetton a Locarno dove lavora la finalista Andressa Lourenco. In quale misura ha contribuito alla decisione di Andressa di voler partecipare al concorso di SwissSkills?"
Andressa è stata selezionata dalla sua scuola ed io ho accettato molto volentieri.

"Lei come aiuta Andressa a prepararsi per la finale?"
Scegliamo dei prodotti particolari e studiamo bene come proporli. Andressa è comunque pronta perché si tratta di cose che fanno parte del nostro lavoro quotidiano, quindi nel settore della vendita.

"Per esempio?"
Dobbiamo essere preparati a ogni scenario, quindi avere una buona conoscenza della merciologia e della psicologia di vendita. Dobbiamo saper ascoltare bene il cliente per soddisfarlo.

"Quali sono le sfide attuali?"
La sfida principale è di essere sempre più professionali. Questo significa per Andressa che deve essere ben preparata nella merciologia, nella tecnica di vendita e deve avere una buona conoscenza dell’assortimento nel nostro negozio per essere pronta alla vendita stessa – tra l‘altro anche il sistema di pagamento che diventa sempre più digitale, per così dire.

"La digitalizzazione è un fattore d‘incertezza per il suo settore?"
Per noi la digitalizazzione è un grande problema. Ci sono sempre più persone, soprattutto quelle giovani, che acquistano tutto online. Quindi noi cerchiamo di puntare sempre di più sulla professionalità e la preparazione che i nostri impiegati ricevono dalla scuola, dal loro apprendistato per soddisfare il cliente. Cosa che nella sfera della digitalizazzione non appare.

"Teme che si sarà una perdita di posti di lavoro?"
Questo è un grande pericolo. Se noi non abbiamo clienti nel negozio, non possiamo avere del personale né degli apprendisti.

"Quindi incide molto la formazione continua nel vostro settore."
Certo. Se abbiamo il personale preparato e con solide basi di una buona scuola chiaramente è un aiuto in più per soddisfare il cliente. Un personale che è ben qualificato perché sempre aggiornato riguardo alle esigenze attuali è una buona cosa per noi.

"Il futuro dei negozi nel suo settore non sembra essere molto sicuro dato che sempre più gente acquista tutto online."
Spero che avremo ancora i nostri negozi, dove c’è il contatto umano, con una clientela che pone delle domande a una venditrice che sa dare dei consigli – questo rimarrà soltanto se continueremo a formare il nostro personale.

SIC Ticino
Via Vallone 27
6500 Bellinzona

091 821 01 01

info@sicticino.ch